#metoo

#metoo

Finché avremo un mondo di subordinati, nessuno potrà essere salvo dalla minaccia, dalla molestia, dall’aggressione. E quindi dobbiamo lavorare su due fronti: su quello squisitamente sessuale ma anche, o soprattutto, sulla cultura del potere come unico valore assoluto della nostra società – aspetti intrecciati da secoli. Perché la necessità è una formidabile leva di manipolazione …

Read More Read More

Videogiochi, radiosveglie e il Molise – l’intervista per A6 Fanzine

Videogiochi, radiosveglie e il Molise – l’intervista per A6 Fanzine

Come nasce l’idea di questo libro? “Vite infinite” nasce da una conversazione con un caro amico di smanettamenti informatici. Si parlava, con sguardo all’orizzonte e profusione di pacche solidali, di quanto fosse bella l’infanzia perduta, quando tutto girava attorno ai joystick, ai mostri alieni da far fuori, a quei dannati floppy che gracchiavano per minuti …

Read More Read More

“Blade Runner 2049”, ovvero come perdere con classe

“Blade Runner 2049”, ovvero come perdere con classe

Supponiamo che siate appassionati di teatro. Che amiate, che so, Beckett. Lo amate perché vi ha svelato l’attesa, perché vi ha guidato in modo emozionante e sardonico alla scoperta di una tragica, ma fondamentale, prospettiva sull’esistenza che prima vi mancava, che non avevate compreso. Siete in tanti, ad amarlo, anche perché vi ha regalato un …

Read More Read More

Recensione breve di “Blade Runner 2049”

Recensione breve di “Blade Runner 2049”

“Blade Runner 2049” è un film di grande impatto tecnico, girato con classe, a tratti ineccepibile ma – oltre che un po’ prolisso – decisamente freddo e artificioso, banale e in ultima analisi deludente. Nonostante questo domani lo andrò comunque a vedere.

“Una bella storia, perché il videogame è un oggetto bello” – intervista per Retrogaming Planet

“Una bella storia, perché il videogame è un oggetto bello” – intervista per Retrogaming Planet

Volevo parlare di cupcakes ma la mia cucina è bruciata circa un biennio fa mentre preparavo dei semplici toast. Non sono uno storico, né un accademico, né un informatico, né un ex giornalista videoludico. Diciamocelo: che motivo ci sarebbe per stare a sentire il barboso sproloquio su Galaga eruttato da, che so, il cantante di un gruppo …

Read More Read More

POST BREVE DI RIFLESSIONI SUL REFERENDUM ©

POST BREVE DI RIFLESSIONI SUL REFERENDUM ©

1) Il 4 dicembre andrò a votare. Perché il quesito è insensatamente complicato e il confronto si è trasformato in rissa mediatica, ma in assenza di quorum credo che per la stabilità del paese sia necessario che emerga dalle urne un verdetto chiaro, forte, qualunque esso sia. 2) Chiedere (decidendo di approvare una riforma costituzionale …

Read More Read More

I miei two cents a proposito di Trump

I miei two cents a proposito di Trump

Visto che sono su Facebook © e questo, stante l’attualità, fa di me un politologo, dico la mia sulla vicenda Trump. Dunque. Sono felice che Donald Trump sia il nuovo presidente degli Stati Uniti? NO. Non mi piace come essere umano, lo considero primitivo, rozzo, sgradevole, poco trasparente. Il suo programma, peraltro piuttosto ondivago, è …

Read More Read More

La solitudine della conoscenza

La solitudine della conoscenza

Nel suo “L’invenzione della solitudine”, Paul Auster si sofferma a riflettere sul fatto che nelle edizioni anglofone delle Sacre Scritture siano presenti assonanze lessicali capaci di creare vincoli concettuali (forse) interamente indipendenti dal contenuto diretto del testo. Coppie come ‘tomb’ e ‘womb’, ‘death’ e ‘breath’, ma anche ‘room’ e ‘tomb’ creano diadi di significato che …

Read More Read More